Gestioni Museali, Mostre, Eventi

Mostre

Scipione Pulzone

Da Gaeta a Roma, alle Corti Europee

La prima mostra interamente dedicata alla produzione artistica del maestro gaetano Scipione Pulzone (1540 ca. Gaeta - 1598 Roma), ospitata nel Museo Diocesano dal 27 giugno al 27 ottobre 2013, ideata da Anna Imponente, Soprintendente per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Lazio e curata da Alessandra Acconci e Anna Imponente in collaborazione con Alessandro Zuccari dell’Università La Sapienza di Roma, si è confrontata con il territorio di origine del pittore.

Sono stati eccezionalmente ottenuti prestiti dal Metropolitan Museum of Art di New York, dalle Trafalgar Galleries di Londra, dal Kunsthistorisches Museum di Vienna, dal Museo del Patriarca Real Colegio y Seminario de Corpus Christi de Valencia, dal Musée du Temps di Besançon, dal Museo de la Colegiata di Castrojeriz (Burgos), dalla Galleria degli Uffizi e dal Palazzo Pitti di Firenze, dalle Gallerie del Polo museale romano. La mostra Scipione Pulzone. Da Gaeta a Roma alle Corti europee, si è avvalsa del contributo della Presidenza del Consiglio della Regione Lazio, del Comune di Gaeta, del Museo Diocesano di Gaeta, e della società di servizi Mosaico in collaborazione con Munus. La Soprintendenza per i Beni Storico Artistici ed Etnoantropologici del Lazio, diretta da Anna Imponente, si è posta l’obiettivo di indirizzare il pubblico verso la scoperta e la migliore valorizzazione della realtà artistica del territorio laziale attraverso alcuni dei più importanti capolavori, presentandoli nell’ambito di un’esposizione monografica pensata come iniziativa dal taglio scientifico e nel contempo divulgativo.

Il progetto espositivo si è articolato in sei distinte sezioni. La prima è stata dedicata agli esordi e comprende quattro dipinti d’età giovanile. A seguire, la sezione dedicata alle opere realizzate su commissione dei Medici e ai ritratti di alcune gentildonne che hanno rappresentato al meglio il genere pittorico nel quale Scipione diede prove che gli valsero il riconoscimento da parte delle più esigenti cerchie dell’élite sociale del tempo.
La terza sezione, la nuova icona, ha rappresentato la nuova tipologia di icona devozionale di grande successo, inaugurata da Pulzone, tanto da aver stimolato una numerosa serie di repliche e copie. Si è trattato di un insieme di dipinti - in diversi casi - restaurati per l’occasione espositiva — mai apparsi in pubblico. La quarta sezione, è stata dedicata alla produzione di arte sacra che qualificava Pulzone come apprezzato interprete dei princìpi ideali ed estetici della Controriforma. La quinta sezione riguardava la committenza della famiglia Colonna dalla quale è giunta la più convinta adesione alla mostra con il prestito eccezionale del Ritratto di Marcantonio II Colonna. Infine nella sesta sezione, dedicata ai ritratti di papi e cardinali, si è evidenziata la fama conquistata da Scipione e mantenuta per gli ultimi tre decenni del XVI secolo, secondo la quale egli era il più bravo e ammirato pittore di ritratti, tanto da ricevere la commissione delle immagini ufficiali di quattro pontefici.

L’esposizione ha offerto l’opportunità di ammirare una quarantina di dipinti, molti dei quali firmati e datati, riuniti e messi a confronto per la prima volta secondo il criterio tematico e cronologico insieme alle opere di incerta attribuzione per una stimolante occasione di vaglio critico.

Periodo Mostra

27 giugno – 27 ottobre 2013

Sede

Museo Diocesano,
Piazza Cardinale Tommaso De Vio, 7 – Gaeta (Latina)

Torna Indietro

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione e offrirti il miglior servizio possibile. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.